Statuto

Testo approvato dall’Assemblea Nazionale
in data 06 aprile 2011

CAPO I – Costituzione, sede, fini sociali dell’Associazione

Art. 1

E’ costituita, con sede a Roma, l’Associazione fra gli Ufficiali della Marina Militare provenienti dal servizio permanente sotto la denominazione: <> (ANUMPSE).
L’Associazione estende la propria presenza a tutto il territorio nazionale.
Gli è stata riconosciuta la personalità giuridica con Decreto in data 2 giugno 1999 del Ministero Difesa.

 

Art. 2

L’Associazione non ha fine di lucro ed è apolitica.

 

Art. 3

L’Associazione ha lo scopo di:

  1. custodire ed esaltare i valori spirituali della Marina Militare;
  2. mantenere e sviluppare i vincoli di solidarietà tra gli associati e con gli altri ufficiali, in servizio ed in pensione,di tutte le FF.AA.;
  3. tutelare gli interessi morali e materiali dei soci, armonizzandoli con quelli degli ufficiali in servizio ed in pensione di tutte le FF.AA..

 

Art. 4

Per raggiungere i suoi fini l’Associazione:

  1. svolge la propria azione presso i Pubblici Poteri e le pubbliche e private organizzazioni per rappresentare e tutelare gli interessi degli associati;
  2. aggiorna i soci sulle questioni a carattere generale di loro interesse;
  3. disimpegna in favore dei soci attività di consulenza ed assistenza a tutela e difesa di diritti ed interessi individuali, derivanti dallo “stato” di ufficiale;
  4. facilita i contatti e gli scambi di informazioni fra i soci e fra questi e gli ufficiali di marina in servizio e in congedo;
  5. designa i delegati nell’organo di rappresentanza dei militari delle categorie in pensione, in relazione all’art. 20 della legge 11 luglio 1976 n. 382 (Norme di principio sulla disciplina militare) ed alle norme al riguardo stabilite dal Ministero della Difesa;
  6. organizza attività culturali e ricreative per i “Soci aventi lo scopo di rinsaldare i vincoli di amicizia che li legano”

 

Art. 5

L’Associazione può aderire ad associazioni a qualunque livello, aventi analogo oggetto e, comunque, mantenere contatti, stabilire rapporti e coordinare la propria attività con quella di organizzazioni associative affini, in particolare con associazioni di ufficiali e sottufficiali in pensione, con associazioni professionali della Marina Mercantile, con l’Associazione Nazionale Marinai d’Italia, con l’Unione Nazionale Ufficiali in congedo e con corrispondenti organizzazioni internazionali.

 

 

CAPO II – Dei Soci

Art. 6

Possono essere soci ordinari, purchè ne facciano domanda ed accettino il presente Statuto, tutti gli ufficiali della M.M. provenienti dal servizio permanente ( di cui all’art. 17 della legge 10 aprile 1954, n. 113, e successive aggiunte e varianti) ed i cappellani che hanno prestato servizio nella M.M., nonchè gli ufficiali del ruolo ad esaurimento e quelli di complemento.

Gli Ufficiali di cui al precedente comma decorati dell’O.M.I. o della medaglia d’oro al V.M. ed i loro familiari di 1° grado sono soci onorari. Su proposta del Consiglio Direttivo l’Assemblea può nominare “Presidenti Nazionali Onorari”, “Consiglieri Onorari”, “Soci Onorari” quei soci che si siano segnalati per speciali servizi ed abbiano conferito prestigio e notevole impulso all’Associazione.

Possono essere “Soci aggregati, purchè ne facciano domanda ed accettino il presente Statuto :

  1. le vedove e gli orfani maggiorenni di ufficiali della M.M. deceduti;
  2. gli Ufficiali in servizio attivo presso i Comandi ed Enti della M.M.;
  3. gli ufficiali in servizio attivo o in pensione di altre FF.AA. o corpi armati dello Stato che non hanno la possibilità di iscriversi presso altre associazioni, purché ne facciano domanda ed accettino il presente Statuto.

Possono essere Soci “SIMPATIZZANTI”, purché ne facciano domanda ed accettino il presente Statuto, tutti coloro, senza distinzione di sesso, che non avendo titolo per l’inclusione nella categoria, dimostrano particolare attaccamento per la M.M..

Per i Soci che hanno maturato un’anzianità di iscrizione rispettivamente di 10 anni, 15 anni, ed oltre, la Presidenza Nazionale si riserva la facoltà di concedere un riconoscimento di benemerenza (diploma, pergamena, ecc).

Analogo attestato potrà essere concesso con giudizio insindacabile della Presidenza Nazionale anche ai Soci che si siano distinti per l’attività’ svolta in seno all’Associazione.

 

Art. 7

I soci sono tenuti al pagamento di una quota annuale stabilita dal Consiglio Direttivo.

I “Soci onorari” sono esenti dal pagamento della quota suddetta.

 

Art. 8

La qualità di socio si perde per i seguenti motivi:

  1. recesso volontario (dimissioni) da dichiarare per iscritto;
  2. perdita della cittadinanza italiana o dei diritti civili;
  3. comportamente gravemente lesivo verso l’Associazione da accertarsi dal C.D., in sede plenaria, sentito l’interessato;
  4. la perdita del diritto al trattamento di pensione di reversibilità da parte dei “soci aggregati”;
  5. mancato versamento della quota associativa per più di un biennio consecutivo.

 

Art. 9

Per comportamento contrario alle finalità dell’Associazione possono essere adottati a carico dei soci i seguenti provvedimenti:

  1. “lettera di richiamo” del Presidente Nazionale;
  2. sospensione temporanea.

I provvedimenti saranno adottati direttamente dal C.D. su proposta del Presidente, sentito l’iscritto.

La sospensione del grado determina la sospensione della qualità di socio.

 

………………………………………………………………. omissis ……………………………………………………………………..

per visualizzare/scaricare l’intero statuto cliccare sul link seguente statuto 2011

 

MODALITA’ PER IL TESSERAMENTO

Inviare una domanda (modulo), specificando generalità, indirizzo, tel. fax ed e-mail alla:
Presidenza ANUMPSE – Piazza Randaccio,2 – 00195 Roma
con allegato il bollettino di versamento postale di Euro 35,00 sul c/c postale 45902004 intestato all’ANUMPSE – Roma.